Rilasciato Windows server 2012

 

Windows Server 2012 in Italia all’insegna del cloud

 

Microsoft ha annunciato ufficialmente Windows Server 2012 per l’Italia. Il nuovo sistema operativo offre un’infrastruttura elastica, scalabile e affidabile per le aziende moderne che consentono ai dipendenti di essere produttivi ovunque tramite qualsiasi dispositivo.

 

 

 

Microsoft ha tolto i veli a Windows Server 2012, il nuovo sistema operativo che si somma alle soluzioni già presentate Windows Azure, System Center e SQL Server. Denominatore comune è il cloud, nell’ottica di offrire alle aziende datacenter moderni “liberi da confini” come scrive l’azienda nel comunicato ufficiale.

 

I punti cardine della nuova soluzione Microsoft per le aziende sono due. Innanzi tutto Windows Server 2012 non è solo un sistema operativo in quanto integra tecnologie tradizionalmente indipendenti come lo storage, il networking e la virtualizzazione. Inoltre è stata implementata una soluzione che soddisfi le richieste del cloud ibrido, ossia degli ambienti che contemplano sia l’uso di servizi di cloud pubblico sia quello di sistemi realizzati all’interno dell’infrastruttura It (definito cloud privato).

 

 

Microsoft ha annunciato Windows Server 2012 in Italia

 

L’azienda di Redmond sottolinea inoltre come la nuova piattaforma si presti per consentire alle aziende di beneficiare di un’infrastruttura elastica, scalabile e affidabile, per costruire e gestire in modo rapido e flessibile le applicazioni e supportare la produttività degli utenti ovunque e tramite qualunque device.

 

Silvia Candiani, Direttore Marketing & Operations di Microsoft Italia, ha spiegato che l’azienda intende “cavalcare gli attuali trend tecnologici, come le innovazioni in ambito computing, storage e network, le nuove applicazioni e architetture per la flessibilità e connettività, la consumerizzazione dell’IT, la proliferazione di dati e il cloud computing”.

 

 

 

 

Caratterizzante il forte legame con il cloud

 

Molte aziende stanno già sperimentando l’uso di Windows Server 2012: un’indagine a livello globale condotta su 70 “early adopter” rivela che in media ci si aspetta una riduzione dei tempi di inattività del 52%, una diminuzione dei tempi di distribuzione dei carichi di lavoro pari al 41% e un risparmio annuale di 15 ore di produttività per dipendente.

 

Da notare che fra queste figura anche Telecom Italia, che era alla ricerca di soluzioni efficienti e user-friendly per completare la propria Virtual Farm. Stefano Gigli, IT Infrastructures Manager di SSC, la società di Telecom Italia specializzata nei servizi IT, ha dichiarato che “Windows Server 2012 rappresenta un grande passo avanti rispetto alla versione precedente e offre miglioramenti significativi in perse aree, tra cui la virtualizzazione della rete e la gestione della memoria”.